SINDROME DA RIENTRO

Sindrome da rientro Dott. Nicola Giacintucci Osteopata milano

SINDROME DA RIENTRO

Diciamo la verità, il rientro dalle vacanze è peggio del cambio di stagione e peggio persino del lunedì. La fine di agosto rappresenta per molti la fine delle vacanze e il ritorno al lavoro.

In vacanza ci sentiamo liberi e alleggeriti da tutto lo stress quotidiano: meno pensieri, meno stress e meno ansia. Al ritorno però rischiamo di ritornare come prima in pochissimo tempo. Siamo tutti vittime della cosiddetta sindrome da rientro.

La sindrome da rientro è una condizione di malessere psicologico e fisico che si sperimenta a fine estate e deriva dal rientro nel contesto quotidiano e nella routine. Non una patologia, dunque, ma una risposta psico-fisiologica alla reimmersione nello stress, che può riguardare soggetti di differenti età.

I benefici di un periodo di vacanza sono, solitamente, notevoli. Tuttavia, come recentemente confermato dall’American Pyschological Association (2018), gli effetti positivi delle ferie sono decisamente fugaci. Circa 2 persone su 3 affermano che, rientrando al lavoro, i benefici scompaiono immediatamente (24%) o dopo pochi giorni (40%). Quasi la metà degli intervistati ha dichiarato di dover affrontare, rientrando dalle vacanze, non solo il carico di lavoro accumulatosi, ma anche i problemi che si sono verificati nel frattempo.

Dati Istat rilevano che lo stress da rientro riguarderebbe un italiano su dieci. Secondo lo psichiatra Claudio Mencacci, della Società Italiana di Psichiatria, in Italia la sindrome da rientro colpisce “circa il 35% della popolazione, con maggior incidenza tra i 25 e i 45 anni” più di un italiano su tre, insomma, rischierebbe di soffrire il rientro, a tal punto da somatizzarlo.

I sintomi sperimentati al rientro dalle vacanze possono comprendere: sensazione di spossatezza e affaticamento, difficoltà di concentrazione, mal di testa, dolori muscolari, disturbi della digestione e del sonno, irritabilità, ansia, tensione, sbalzi d’umore, malinconia e tristezza, senso di vuoto.

COME RIENTRARE AL MEGLIO DALLE VACANZE

Basta poco per non sprecare salute, tempo, umore e affrontare al meglio il delicato rientro dalle vacanze. Per farlo nel modo migliore, ecco i miei consigli per combattere ansia e stress psico-fisico.

  1. Non diminuire di colpo le ore di sonno. Non passare dalle 8-9 ore dell’estate alle 5-6 ore autunnali troppo rapidamente, il corpo ha bisogno di tempo per riadattarsi ai nuovi ritmi. 
  2. Riprendi qualsiasi attività, in ufficio o in università, con gradualità. Concediti brevi e frequenti pause durante la giornata.
  3. Preferisci cibi sani, bevi molta acqua e riduci il consumo di caffeina e di alcolici, se in vacanza sono stati più abbondanti del solito.
  4. Per combattere la sindrome da rientro è bene non “dimenticare” subito le ferie archiviando i ricordi, ma recuperarli e assaporarli: dalle foto e i video da rivedere e condividere alle ricette scoperte in viaggio da preparare per mantenere vive le sensazioni piacevoli della vacanza.
  5. Fatti una risata. Secondo numerosi studi scientifici, per evitare di intristirsi bisogna ridere almeno un quarto d’ora al giorno. La risata abbassa la frequenza cardiaca e stimola la produzione di endorfine, che proteggono il sistema cardiovascolare e che ti faranno sentire felici.
  6. Niente tecnologia a letto. Usare computer, smartphone e televisione in camera da letto posso compromettere la qualità del sonno e alimentare l’ansia. 
  7. Fai movimento. Chi in vacanza non ha mosso un dito deve ricominciare a muoversi, perché l’attività fisica è essenziale per mantenersi in forma e per contrastare i malesseri da sindrome da rientro come affaticamento, irritabilità, cattivo umore. Se invece in estate ci si è dedicati di più allo sport è bene non perdere la buona abitudine e continuare a muoversi con regolarità, magari sfruttando qualsiasi occasione per farlo come andare in bici o a piedi al lavoro o fare una corsa quotidiana al parco.
  8. Coltiva il pensiero positivo, perché no, anche pianificando le prossime vacanze… o una breve gita fuori porta, realizzabile in breve tempo.
  9. Ascolta il tuo corpo. Un buon trattamento osteopatico ti aiuterà a riequilibrare mente e corpo, in modo da farti trovare pronto alle sfide che ti aspettano.

 

 

Prenota una visita osteopatica a Milano per risolvere le problematiche dello stress. Prenota qui.